BERNAREGGI, ADRIANO

(Oreno [Milano], 1884 – Bergamo, 1953)

Laureatosi alla Gregoriana di Roma in filosofia, teologia e diritto canonico, insegnò tali discipline al seminario di Milano e all’Università Cattolica. Cappellano militare durante la Guerra Europea, fu parroco di San Vittore a Milano. Nominato nel 1931 vescovo titolare di Nissa, fu inviato da Pio XI a Bergamo per coadiuvare il vescovo Marelli, che sostituì nel 1932. Uomo di studio dal temperamento energico, seppe affrontare con autorevolezza i tempi convulsi dell’anteguerra, gli anni tragici del secondo conflitto mondiale e quelli duri della ricostruzione. Fu presidente dell’Enciclopedia Ecclesiastica, assistente spirituale dei Laureati Cattolici e componente della commissione centrale d’arte sacra. Compì due visite pastorali nella diocesi e indisse due sinodi. Evitò ogni compromissione con il fascismo arginando con energia nel 1938 una violenta opposizione del regime. Sviluppò una vasta azione pastorale, intervenne spesso alle settimane sociali, diede impulso al- l’Azione Cattolica, rafforzò la struttura oratoriana, fondò un istituto per sacerdoti missionari. Si prodigò a favore dei perseguitati politici durante l’occupazione nazista. Riservò vive cure all’arte sacra e vagheggiò l’istituzione di un museo diocesano. Il cardinal Roncalli ne pronunziò l’elogio funebre.

Grafica: Elegant Themes