BROLIS, PIERO

(Bergamo, 1920 – Ivi, 1978)

Formatosi alla Scuola d’arte “Andrea Fantoni” e all’Accademia Carrara di Bergamo, fu notato dallo scultore Gianni Remuzzi, che lo volle come allievo nello studio dal 1935 al 1940. Diplomatosi nel 1939 alla Carrara dopo aver conseguito numerosi premi e ottenuto un soggiorno d’istruzione a Venezia, fu chiamato alle armi come aviere motorista. Nel 1942 durante una breve licenza conseguì la maturità al liceo artistico di Brera. Combattente, fu insignito della croce di guerra. Caduto prigioniero delle forze alleate in Tunisia, fu deportato negli Stati Uniti, dove seppe farsi apprezzare ottenendo commissioni di lavoro come scultore, pittore e scenografo. Rientrato a Bergamo nel 1946, insegnò disegno nelle scuole medie fino al 1971, partecipando nel contempo con opere di pregio a mostre e manifestazioni d’arte e ottenendo premi prestigiosi e riconoscimenti lusinghieri da parte della critica. Ricevette importanti commissioni da enti pubblici, realizzò diversi monumenti ai Caduti, eseguì numerose opere di carattere funerario, ritratti a busto e composizioni di figure di rara eleganza. Lasciò ampia testimonianza dell’eccellenza della sua arte affrontando impegnativi temi sacri. Notevole la monumentale Via Crucis del tempio di Ognissanti al cimitero di Bergamo.

Grafica: Elegant Themes